La Storia

LA STORIA

La più antica testimonianza della presenza dell'uomo nel territorio di Langhirano risale al Paleolitico, all'incirca al 130000 a.C., mentre i primi insediamenti umani furono fondati dai Terramaricoli tra il XVII e il XIV secolo a.C., in piena età del bronzo.

Dell'epoca romana sopravvivono ancora alcune tracce della centuriazione del territorio pianeggiante e i resti di una villa rinvenuta nei pressi di Torrechiara.

Il primitivo borgo di "Lagorano", menzionato per la prima volta nel 1038, fu fondato nell'Alto Medioevo dai Longobardi lungo la strada delle cento miglia, che collegava Parma e Luni; il centro nacque originariamente quale borgo minore, annesso alla vicina Mattaleto, a sua volta dipendente dal castello di Castrignano; quest'ultimo appartenne nell'XI secolo alla chiesa di San Pietro di Parma, nella prima metà del XII secolo al convento di Sant'Apollonio di Canossa, dal 1137 al monastero di San Prospero di Reggio Emilia e a partire dal 1186 al vescovo di Parma.

Il maniero di Matteleto fu costruito a presidio della sponda sinistra della val Parma probabilmente nel XIII secolo, quale avamposto fortificato del castello di Castrignano. Nella stessa epoca fu edificato inoltre il palazzo del capitano di giustizia nel centro di Langhirano; il piccolo borgo accrebbe notevolmente la sua importanza in quei secoli grazie alla sua collocazione geografica all'accesso della vallata, che gli consentì di diventare sede di mercato settimanale.

Nel 1376 il vescovo Ugolino de' Rossi investì dell'ampio feudo di Castrignano il pronipote Rolando de' Rossi, in segno di riconoscenza per i servigi resi dal padre Giacomo all'episcopato parmense. I Rossi ricostruirono il maniero di Mattaleto, ma nel 1405 Giacomo Terzi se ne impossessò dopo aver occupato numerosi altri castelli rossiani del Parmense; i Terzi fortificarono la struttura, che nel 1409 fu conquistata, insieme alla vicina Castrignano, da Galeazzo da Correggio per conto del marchese di Ferrara Niccolò III d'Este, alleato dei Rossi; tuttavia il Correggese ne approfittò per impossessarsene, perciò nel 1410, dopo l'uccisione di Ottobuono de' Terzi da parte di Muzio Attendolo Sforza, Pietro de' Rossi attaccò di sorpresa la fortificazione di Castrignano, riconquistandola.

I Rossi mantennero i diritti sul territorio fino alla disastrosa guerra del 1482, al cui termine l'ampio feudo, rivendicato dal vescovo Giovanni Giacomo Schiaffinato, fu restituito alla diocesi di Parma.

Nel 1512 il papa Giulio II acquistò i diritti su Langhirano e dintorni, che assegnò a Galeazzo Pallavicino, marchese di Busseto; quest'ultimo ne ricevette conferma dal nuovo papa Leone X nel 1514. Dopo alcuni anni il territorio rientrò nelle mani del vescovo di Parma.

Nel 1660 il duca di Parma Ranuccio II Farnese investì Antonio Garimberti della contea di Langhirano; la famiglia ne mantenne i diritti fino alla loro abolizione sancita da Napoleone nel 1805. Langhirano divenne sede del nuovo comune (o mairie), a eccezione di una parentesi tra il 1821 e il 1831, durante la quale fu elevata a capoluogo di distretto ducale; in quegli stessi anni fu Mattaleto la sede municipale.

Il 28 settembre del 1911 la stazione tranviaria fu teatro dell'episodio noto come "eccidio di Langhirano": durante una manifestazione di opposizione alla partenza dei soldati per la guerra di Libia, morirono 4 persone e ne furono ferite altre 7 a causa dell'improvvisa carica dei carabinieri, forse presi dal panico.

                                                                                                                                  By Wikipedia